Quelle sere a cena da “Alfredo”: Paolo era un clown bianco e malinconico

Il maestro Gabriele Lavia e la Roma di Poli: “Sapeva che l’ineffabile bellezza della città era al suo culmine”
Quelle sere a cena da “Alfredo”: Paolo era un clown bianco e malinconico

Nella seconda metà degli anni Sessanta, poco prima del Sessantotto e subito dopo, abitavo in via Monserrato, vicino piazza Farnese. Da quelle parti abitavano tanti attori e registi di teatro e di cinema: Pasqualino Festa Campanile, Luca Ronconi, Anna Maria Guarnieri, Laura Betti, Luca De Filippo, Luciano Virgilio ecc., e anche Paolo Poli. Insomma eravamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.