Quel negro di Otello. Così la gelosia diventa dramma occidentale

All’Elfo Puccini la pièce di Elio De Capitani e Lisa Ferlazzo Natoli, che tentano di “svecchiare” la tragedia. Ma il Moro finisce per essere un abitante qualsiasi di Aleppo
Quel negro di Otello. Così la gelosia diventa dramma occidentale

A voler politicizzare tutto si rischia di surgelare anche Shakespeare, imbustandolo nel cellophane come un esangue cadavere di “Twin Peaks” – ma a cuore fermo, addio gelosia. È stata quantomeno azzardata la scelta di “svecchiare” l’Otello e “spogliarlo della tradizione di tragedia solo della gelosia”; però così hanno voluto Elio De Capitani e Lisa Ferlazzo Natoli, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.