Quegli austriaci un tempo migranti dei romani

A quei tempi, quando furono aperte le porte delle nostre frontiere e orde armate di Barbari si riversarono dappertutto come le ceneri dell’Etna, la gravità della situazione avrebbe richiesto alcuni comandanti militari assai famosi per le loro imprese” (Ammiano Marcellino, Le storie 31.4.9). Ammiano Marcellino storico siriano, acuto osservatore delle ondate migratorie dei popoli germanici […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.