» Commenti
venerdì 06/10/2017

Quando ci guarderemo in faccia?

Quando ci guarderemo in faccia? È la domanda che mi frulla in testa da quando è stato approvato il nuovo Codice Antimafia con la presunta equiparazione tra mafia e corruzione, generando commenti tipo: “Meglio qualche corrotto di uno Stato rotto” (Ilaria D’Amico da Floris a Dimartedì, gelo in studio); “Così si equipara l’attività degli imprenditori […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

Il cinema italiano arricchisce le tv

Commenti

Referendum per l’autonomia, ma Lombardia e Veneto non sono la Catalogna

Commenti

Mail box

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×