Quando Bankitalia sfornava fake news per coprire Zonin

Dice Pier Ferdinando Casini: “Siamo tutti sufficientemente intelligenti da non confondere i ladri con le guardie”. Beato il Paese che non ha bisogno di politici così intelligenti. Se una certezza ha raggiunto la commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche da lui presieduta, è che la classe dirigente italiana non distingue i ladri dagli onesti, anche perché […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.