Puro “Mary Chain”, qualche ospite e niente inutili risse

Puro “Mary Chain”, qualche ospite e niente inutili risse

Grandi melodie pop sprofondate in abissi di distorsioni, live che finivano in risse senza motivo, l’alienazione delle migliori sottoculture britanniche tutta dissenso, sussidio e anfetamine: quando nel 1985, con Psychocandy, i Jesus and Mary Chain misero “sotto sopra” il Regno Unito come non accadeva dal punk, era lecito aspettarsi che la rivoluzione si sarebbe consumata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.