“Pronto a colpire in Italia”. Espulso jihadista tunisino

L’uomo, residente nel Bresciano, aveva ricevuto l’ordine poche settimane fa. Caso Amri: alla stazione di Torino tentò di agganciare una commessa
“Pronto a colpire in Italia”. Espulso jihadista tunisino

Era pronto a colpire in Italia. L’ordine lo aveva ricevuto solo poche settimane fa: eseguire un attentato sullo stile di quelli di Parigi del 13 novembre 2015. Per questo ieri il tunisino Bendhiab Nasreddin, 22 anni, è stato espulso. La Digos di Milano, che ha coordinato l’indagine, sottolinea che questa vicenda non è legata a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.