“Pronti a colpire”: dopo quattro giorni sgozzano il prete

Allarmi inascoltati. I 19enni di Ruen segnalati dai Servizi si scrivevano: “Sangue in chiesa”

Mio figlio è un agnellino, non c’entra con l’attentato nella chiesa. Non ho partorito un diavolo”. Yasmina, la madre di uno dei due carnefici di padre Jacques Hemel, non riusciva a crederci quando gli inquirenti sono andati a farle un prelievo di Dna per confrontarlo con quello del terrorista. Suo figlio Abdel Malik Petitjean era riuscito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.