Mio figlio è un agnellino, non c’entra con l’attentato nella chiesa. Non ho partorito un diavolo”. Yasmina, la madre di uno dei due carnefici di padre Jacques Hemel, non riusciva a crederci quando gli inquirenti sono andati a farle un prelievo di Dna per confrontarlo con quello del terrorista. Suo figlio Abdel Malik Petitjean era riuscito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Attento, Francesco: i lupi ora ti mostrano i denti

prev
Articolo Successivo

Maxi-schermi e cibo gratis il popolo di Erdogan non molla

next