Processo a Di Maio. Lui chiede scusa e cede su Virginia

Il mistero della email - Il leader in pectore nel mirino dei colleghi. Lui: “Se cado io, viene giù tutto”

La rivolta contro il numero uno e la sindaca. Il processo al predestinato, al candidato premier in pectore, a Luigi Di Maio. E dopo il suo mea culpa, la sanzione per la sua protetta Virginia Raggi. Che rinuncia a Raffaele Marra e Salvatore Romeo, i fedelissimi, ma che non vuole rinunciare ai due assessori Paola […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.