Politica

Copertina del video
La riunione 5 minuti

Processo a Di Maio. Lui chiede scusa e cede su Virginia

Il mistero della email - Il leader in pectore nel mirino dei colleghi. Lui: “Se cado io, viene giù tutto”

Di Luca De Carolis e Paola Zanca
7 Settembre 2016

La rivolta contro il numero uno e la sindaca. Il processo al predestinato, al candidato premier in pectore, a Luigi Di Maio. E dopo il suo mea culpa, la sanzione per la sua protetta Virginia Raggi. Che rinuncia a Raffaele Marra e Salvatore Romeo, i fedelissimi, ma che non vuole rinunciare ai due assessori Paola […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui