Per Mussolini braccia tese nella chiesa di Catania

Per amore del Duce in riva allo Stretto si fa tutto. Reggio Calabria, città dalle solide tradizioni “nere”. C’erano una volta i “Boia chi molla” che all’inizio degli anni Settanta misero a ferro e fuoco la città. Poi gli eredi di Ciccio Franco si imborghesirono e diventarono assessori e consiglieri regionali. Nostalgie di un tempo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.