“Pensavano fossi matto quando mi licenziai per fare fumetti”

Tornano in libreria le storie di “Sam Pezzo”, il noir bolognese che ha lanciato il grande disegnatore. Ecco come ha cominciato
“Pensavano fossi matto quando mi licenziai per fare fumetti”

Vivere senza cellulare è uno dei tanti lussi che mi permetto. Un altro è non essere su alcun social network. E quando parto voglio essere assente, non reperibile”. Per parlare con Vittorio Giardino bisogna seguire rituali di un altro secolo: concordare un appuntamento telefonico, definire un orario di massima. Risponde la moglie, nella loro casa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.