Paterson, l’autista dell’autobus che “ruba” poesia ai passeggeri

Tra logori cinepanettoni italiani e spin off di Star Wars, l’ultimo lavoro di Jim Jarmush è un’ottima “terza via” per un Natale sul grande schermo
Paterson, l’autista dell’autobus che “ruba” poesia ai passeggeri

Natale al cinema: non solo stalle e stelle, c’è una terza via, ed è quella buona. Tra i nostrani vizzi (pseudo)cinepanettoni e il tonitruante spin-off di Star Wars Rogue One, s’avanza Paterson, il nuovo, pregevole film di Jim Jarmusch. Cinema d’autore, indie in purezza, come anche in America si usa sempre meno: tante, troppe le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.