» Commenti
venerdì 10/11/2017

Papa Francesco ha deciso, sigarette vietate dal tabaccaio del Vaticano: “Fanno male”

Papa Francesco ha deciso, sigarette vietate dal tabaccaio del Vaticano: “Fanno male”

Ammesse soltanto le fumate bianche e nere. In Vaticano sarà vietata la vendita delle sigarette. Lo ha voluto direttamente papa Francesco: dal 2018 nel territorio della Santa Sede sarà, appunto, vietata la commercializzazione delle “bionde”. La ragione è semplice, lineare, come ha spiegato senza tanti giri di parole il portavoce vaticano, Greg Burke: “Il Santo Padre ha deciso che il Vaticano terminerà la vendita di sigarette ai propri dipendenti a partire dal 2018. Il motivo è molto semplice: la Santa Sede non può cooperare con un esercizio che danneggia chiaramente la salute delle persone. Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, ogni anno il fumo è la causa di più di sette milioni di morti in tutto il mondo”.

Addio ‘bionde’ in Vaticano “Le sigarette, vendute ai dipendenti e pensionati del Vaticano a un prezzo scontato – spiega il portavoce Burke – erano fonte di reddito per la Santa Sede. Ma nessun profitto può essere legittimo se mette a rischio la vita delle persone”. Caso chiuso. Ma Oltretevere qualcuno non la prenderà certo bene. Stavolta, gli avversari di Bergoglio non saranno i conservatori, ma i commercianti. Come raccontò l’Espresso, la Pontificia Commissione referente di studio e di indirizzo sull’organizzazione della struttura economico-amministrativa aveva chiesto a società di revisione dei conti di svolgere una due diligence sugli affari del Vaticano.

Ne risultò che la vendita delle sigarette era al secondo posto tra le fonti di utili: 10 milioni l’anno. Una vendita a prezzi ridotti che in teoria doveva essere rivolta soltanto ai dipendenti vaticani: cinque stecche a testa al mese. Che non andasse proprio così era stato raccontato dalla stessa inchiesta: migliaia di persone formalmente non autorizzate riescono ad avere accesso alle bionde e ai sigari cubani sottocosto venduti in Vaticano.

Ma adesso Francesco ha detto stop: dieci milioni dal prossimo anno non andranno più in fumo. Chissà come la prenderanno i porporati. Tra i vari benefit dei cardinali fino a tempi recenti c’erano duecento pacchetti di sigarette al mese scontati. In Vaticano, forse scherzosamente, qualcuno insinuava che ci fosse chi se li rivendeva. Ma ci sono anche prelati che fumano: la leggenda racconta delle prodezze fumatorie del cardinale di Madrid, Vicente Enrique y Tarancon. Un vero e proprio tabagista che faticava a trattenersi perfino davanti al nuovo papa Giovanni Paolo I. Albino Luciani gli rispose: “Eminenza, lei può fumare. Ma a una condizione: il fumo deve essere bianco!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia

Il “WhatsApp” che imbarazza Maroni, la rabbia della Votino e la rinuncia al viaggio a Tokyo

Italia

I genitori non pagano la retta per la mensa: pane e olio ai figli

La classe disagiata dei perdenti colti
Commenti
Illusi - Giovani e frustrati

La classe disagiata dei perdenti colti

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×