“O la va o la spacca”. Il voto tra omissis e sparate varie

Èaugurabile che ci sia chi raccolga tutte le esternazioni di questa semestrale vigilia referendaria: la personalizzazione del voto a modo loro di Renzi e Napolitano l’emerito, la diatriba fracassona sui partigiani veri e finti, la finezza dialettica sulle conseguenze delle urne (il premier: “Se perdo me ne vado”; Boschi: “Se perdo vado via con Renzi”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.