Nuccio chattava con Ruby e teneva unita la squadra

L’addio a Ciconte - Un giornalista che tutto sapeva e che credeva nella sinistra (ma provvista di libertà)
Nuccio chattava con Ruby e teneva unita la squadra

Pensavo che fosse più facile, scrivere del nostro Nuccio Ciconte a mente fredda e a ciglio asciutto, molto più facile di quel che dev’esserlo stato per Antonio Padellaro, costretto a farlo l’altra sera pochi minuti dopo aver appreso la notizia e mezz’ora prima che il giornale chiudesse. Invece non è per niente facile nemmeno il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.