Non basta chiamarsi Woody per fare una buona serie tv

La critica anglosassone smonta “Crisis in Six Scenes” del regista newyorchese prodotta da Amazon. In Italia la vedremo, forse, a fine anno. Ma non c’è ancora la data
Non basta chiamarsi Woody per fare una buona serie tv

Per Mike Hale del New York Times, Crisis in Six Scenes è “appena un fantasma del vecchio Woody Allen”. Sul Guardian Mark Lawson non ci gira attorno e titola: “Perché la sit-com di Woody Allen è un fallimento”. Per Daniel D’Addario, critico televisivo del Time, “Crisis in Six Scenes è la prova che i servizi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.