» Economia
mercoledì 28/12/2016

Mps: nomi e cognomi, la lista dei volenterosi carnefici della banca

Tutti distratti: i governatori Draghi e Visco, i ministri Saccomanni e Padoan, le “vigilantes” Tarantola e Nouy
Mps: nomi e cognomi, la lista dei volenterosi carnefici della banca

È vero che la colpa morì fanciulla. Però un giorno o l’altro qualcuno dovrà pur dirci chi ha combinato questo immenso casino. La crisi del Monte dei Paschi di Siena è già costata miliardi di euro al mercato finanziario, per danni diretti e contagi vari. Adesso costerà ai contribuenti italiani almeno 6,5 miliardi di euro, ci dicono. E non c’è un solo esponente di questa classe dirigente stracciona che si assuma una responsabilità. I rappresentanti di tutte le istituzioni coinvolte (Governo italiano,Commissione europea, Banca centrale europea, Banca d’Italia nonché gli stessi vertici di Mps) parlano come fossero meteorologi, intenti a descrivere con arguzia fenomeni non dipendenti dall’agire umano.

Mario Draghi. Il presidente della Bce non parla. L’attività della Vigilanza bancaria è della Bce, ma non è sotto il controllo del presidente. Il capo della Vigilanza è la francese Danièle Nouy e gode di totale autonomia. A chi rende conto la Nouy di ciò che fa? A nessuno. È scritto così nelle regole istitutive della Bce, che è indipendente dalla politica e quindi esercita sulle banche un potere assoluto, di vita o di morte. Draghi era governatore della Banca d’Italia nel 2007, quando Giuseppe Mussari (vedi sotto) suicidò Mps investendo 17 miliardi per comprare la banca Antonveneta. Via Nazionale autorizzò lo scempio senza battere ciglio. Ma la pratica fu gestita dal direttore generale Fabrizio Saccomanni e dal capo della Vigilanza Anna Maria Tarantola (vedi sotto). Quindi Draghi non ha niente da dirci.

Ignazio Angeloni. È l’italiano più alto in grado nella Vigilanza europea. Ogni tanto rilascia interviste in cui parla come la sibilla. Ieri per esempio ha parlato a La Stampa ma si è ben guardato dal dirci perché in poche ore la Bce ha deciso che Mps non ha più bisogno di 5 miliardi di nuovo capitale ma 8,8. Se non fosse una tragedia ci sarebbe da sghignazzare. Mps emette un comunicato la sera di Santo Stefano per dire che la Bce ordina di trovare 8,8 miliardi di nuovo capitale anziché 5 e che la banca “ha tempestivamente avviato le interlocuzioni con le Autorità competenti al fine di comprendere le metodologie sottese ai calcoli effettuati da Bce”. Angeloni nulla rivela sulle “metodologie sottese” però annuncia: “Continueremo a fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per far sì che la banca trovi un modello di business sostenibile”. Le sibille di Francoforte parlano come i ministri di Stalin. Ma la realtà è proprio questa. Mps da cinque anni è di fatto commissariato e i suoi amministratori devono chiedere alla Vigilanza anche il permesso di fare pipì. Altro che libero mercato. Le banche sono passate dal dominio dei politici che facevano dare i prestiti ai loro amici insolventi a quello di burocrati che non rispondono a nessuno, e neppure si degnano di dare spiegazioni ai contribuenti a cui mandano il conto da pagare.

Fabrizio Saccomanni. Insieme ad Annamaria Tarantola sono i simboli, i monumenti equestri al burocrate irresponsabile, attento solo al livello del proprio stipendio e della propria pensione. Quando Mussari ha distrutto Mps per comprare l’Antonveneta i due sapevano benissimo che stava pagando per l’istituto padovano il doppio o il triplo del valore. Bankitalia aveva appena fatto un’ispezione in Antonveneta, ma i due servitori dello Stato ritennero doveroso rispettare la privacy del venditore, il capo dello spagnolo Banco Santander Emilio Botin. Ai magistrati che le chiesero conto della sua azione di vigilanza, Tarantola rispose: “Ci raccomandammo con i vertici di Mps di fare per bene l’acquisizione”. Mario Monti, tecnico dei tecnici, l’ha premiata con la presidenza della Rai. Saccomanni ha detto ai magistrati: “Non ci fu segnalato che Mps aveva acquisito Antonveneta senza fare una due diligence. Devo dire che, per prassi, Banca d’Italia caldeggia sempre, in caso di acquisizioni, la due diligence preventiva”. Per queste doti di caldeggiatore Saccomanni è stato poi premiato con la poltrona di ministro dell’Economia.

Giuseppe Mussari. Divideva la sua vita tra l’avvocatura e la militanza nel Pci, poi Pds poi Ds. Stretta osservanza dalemiana, ma anche caro alla massoneria senese, vera padrona del Monte. Prima diventa per meriti politici presidente della Fondazione Mps, padrona della banca. Poi nel 2006 si autonomina presidente della Banca. Benché si autodefinisca banchiere dilettante i colleghi lo acclamano presidente dell’Associazione bancaria italiana. Quando Bankitalia si accorge che con l’acquisizione di Antonveneta ha scassato il Monte lo fa fuori e affida il risanamento della banca più antica del mondo a Fabrizio Viola e Alessandro Profumo. Resiste per un altro anno alla presidenza dell’Abi, per farlo dimettere ci sono volute le rivelazioni del Fatto sui finanziamenti farlocchi detti Santorini e Alexandria. Chi ha deciso di affidare Mps a Mussari? Non lo sapremo mai.

Ignazio Visco. Quando a gennaio 2013 si scoprirono gli altarini di Mussari il governatore non tentennò: “Mps non ha problemi di tenuta”. Esattamente cinque anni fa Visco ha piazzato a Siena Viola, che ha eseguito gli ordini della Banca d’Italia prima e della Bce dal 2015. Dal gennaio 2013, quando Visco ha detto che andava tutto bene, Viola ha dovuto chiedere al mercato 5 miliardi di nuovo capitale nel 2014, 3 miliardi di nuovo capitale nel 2015. Soldi buttati nel lavandino, pare, visto che adesso la Bce dice che ne servono altri 8,8. Da quando Visco ha detto che andava tutto bene Mps ha prodotto un buco patrimoniale di 17 miliardi. E il governatore non ha mai sentito il dovere di dare spiegazioni ai contribuenti che pagheranno il conto di Mps (oltre al suo stipendio). Non solo. Dov’era Visco quando Matteo Renzi ha deciso di lasciar marcire Mps in attesa del referendum? Dov’era quando il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, per non irritare lo statista di Rignano ha fatto finta per sei mesi di seguire l’impossibile “ricapitalizzazione di mercato”? A fine agosto Renzi, su richiesta dell’amico Jamie Dimon di Jp Morgan, ha ordinato di silurare Viola e di sostituirlo con Marco Morelli, benché macchiato da una pesante sanzione data proprio da Visco, e proprio per i trascorsi di Morelli al fianco di Mussari. Visco non ha fiatato, come sempre. Ecco, Mps è stato distrutto da quelli che si ritengono infallibili e danno sempre la stessa spiegazione: “Io so’ io, e vvoi nun zete un cazzo”.

Twitter@giorgiomeletti

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
Domani il decreto in cdm

Stop ai mutui dei terremotati e proroga dei precari della Pa

La proroga per i contratti dei precari della Pa, la sospensione dei mutui dei terremotati del Centro Italia e il rinnovo del contratto di concessione alla Rai. Sono alcuni dei temi che dovrebbero essere al centro del decreto Milleproroghe, atteso per domani in Consiglio dei Ministri. Il provvedimento dovrebbe contenere lo stop per tutto il 2017 delle rate dei mutui contratti sugli immobili nelle zone interessate dal sisma che ha devastato intere zone di alto Lazio, Marche e Umbria. Quanto ai contratti a termine nella pubblica amministrazione, è in arrivo la proroga per tutto l’anno delle le graduatorie dei concorsi pubblici: riguarderà 4.500 vincitori e 150.000 idonei. Dovrebbero allungarsi anche i tempi per l’obbligo di installazione delle valvole termoregolatori nei condomini con riscaldamento centralizzato, vista l’alta percentuale di appartamenti che non si sono ancora adeguati. In arrivo anche la quarta proroga per il Sistri, il sistema integrato di tracciabilità dei rifiuti. Quanto alle pensioni dei magistrati, il decreto dovrebbe prevedere che restino in servizio fino al 31 dicembre di le toghe che, nel corso di quell’anno, compiono 70 anni.

Economia
Altri tre mesi per 1.600

Almaviva, ora anche Roma dice Sì per salvare la sede

Si riapre la vertenza per tentare di salvare i posti di lavoro di Almaviva contact call center tra i più grandi in Italia, anche nella sede di Roma. Dopo il No espresso nei giorni scorsi dalla Rsu romana all’intesa trovata al tavolo del ministero dello Sviluppo economico, ieri si è registrato un cambio di rotta da parte dei lavoratori. Con 590 favorevoli e 473 contrari, pochi gli astenuti, la Rsu romana ha votato Sì all’estensione dell’accordo su Almaviva anche per la sede cittadina. Il referendum è stato indetto dalla Cgil Roma e Lazio con votazione che ha visto la partecipazione di quasi 1.100 dipendenti del call center su 1.666. La Uil, nel frattempo, ha raccolto 750 firme per chiedere che lo stabilimento capitolino rimanga aperto. Dopo il risultato del referendum, ora dovrebbe essere esteso anche alla sede di Roma, e non più solo a quella di Napoli, l’accordo siglato al Mise per evitare i licenziamenti. L’intesa raggiunta tra Almaviva Contact e le organizzazioni sindacali prevede l’estensione della cassa integrazione fino a marzo e la garanzia di arrivare nel frattempo ad un nuovo accordo per tutelare i livelli occupazionali.

La Cattiveria

La Cattiveria del 28/12/2016

Economia

Nuovo guaio: i 20 miliardi rischiano di non bastare

“Ora tute blu in piazza per riavere l’articolo 18”
Economia
L’intervista - Francesca Re David

“Ora tute blu in piazza per riavere l’articolo 18”

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×