No Tav, le iniziative “improvvide” dei magistrati

Tutto comincia con una lettera del regista Virzì a La Stampa: una garbata apologia di una studentessa, Maria Edgarda Marcucci, coinvolta in uno dei tanti episodi di contestazione al Tav, incriminata dalla Procura di Torino e sottoposta a misura cautelare (arresti domiciliari). Si capisce che Virzì sta con i No Tav; minimizza, ironizza, critica, si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.