Niente nomi e incubo Sicilia: Di Maio, l’incoronato triste

A Rimini - Doveva essere una festa, ma per il neocandidato del M5s sono iniziati subito i guai: la caccia alla squadra di governo non decolla e nell’isola rischia grosso
Niente nomi e incubo Sicilia: Di Maio, l’incoronato triste

Appena sceso dal palco, subito dopo l’incoronazione a candidato premier, Luigi Di Maio è tornato a farsi la domanda che tante, troppe volte si è rivolto in questi tre giorni di Italia Cinque Stelle: “Possibile che non riusciamo mai a organizzare una cosa senza combinare casini?”. Per il Movimento, ma soprattutto per lui, doveva essere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.