Nella mia città è vietato sognare un futuro diverso senza acciaieria

Nella mia città è vietato sognare un futuro diverso senza acciaieria

Nella mia città tutti sono contro tutti. La mia città è così piccola che le persone prendono l’auto per andare al bar davanti casa. La mia città non esiste. Nella mia città io non esisto. Nella mia città tutto quello che di nuovo prova a nascere muore schiacciato dai personalismi dilaganti. Nella mia città abita […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.