’Ndrine, il superboss e il teste smemorato: “Avevo bevuto”

A Milano si celebra il processo a Rocco Barbaro ritenuto il capo dei capi in Lombardia
’Ndrine, il superboss e il teste smemorato: “Avevo bevuto”

Maglione scuro e jeans. Lo sguardo a volte fisso, a volte gettato oltre il gabbione. Capelli brizzolati, basso, ma in forma. Eccolo, colui che la Procura di Milano ritiene l’ultimo capo delle ’ndrine in Lombardia e nel nord Italia. Eppure Rocco Barbaro, classe ’65, nato a Platì e figlio di Francesco Barbaro, detto Cicciu u […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.