Mosul e Raqqa: così Erdogan gioca la sua partita a poker

Guerra all’Isis - La ritirata del Califfo, le pressioni del Sultano di Ankara contro i curdi e quelle per una zona sunnita in Iraq con il sostegno Usa
Mosul e Raqqa: così Erdogan  gioca la sua partita a poker

La battaglia per Mosul non è ancora conclusa e l’Isis sta sparando le sue ultime cartucce soffocando i civili, dando alle fiamme i campi petroliferi e lanciando i suoi combattenti suicidi in tutta la regione. Sono azioni disperate senza alcun segno di disperazione. Nessun cenno di panico e nessuna resa incondizionata o fuga precipitosa. L’Isis […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.