» Storie d'Italia
mercoledì 05/04/2017

“Mio padre mi faceva assai pena, il successo è una persecuzione”

“Mio padre mi faceva assai pena, il successo è una persecuzione”

Chi ha influito di più nella sua vita, suo padre o sua madre? I primi tre anni mio padre, che poi ho completamente dimenticato, dopo, mia madre. Il rapporto con mio padre era infernale. Mi faceva pena perché ha sbagliato tutto: nazionalista, filofascista, prima sul fronte francese, poi prigioniero in Etiopia. È tornato che era […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Storie d'Italia

“150 cene per le mie aziende, ma non ho vocazione per i biscotti”

Storie d'Italia

“Ero socialista, poi è arrivato Bettino Craxi”

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia
Storie d'Italia
La condanna al falò

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia

di
“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”
Storie d'Italia
Il libro del banchiere

“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×