“Mina, Beatles, soldi buttati al gioco e 35 milioni di copie. E sono Peppino di Capri”

Il musicista - “Sottovalutato? Forse, ma a volte non mi rendo conto io stesso di cosa ho realizzato”
“Mina, Beatles, soldi buttati al gioco e 35 milioni di copie. E sono Peppino di Capri”

Con Baby Gate, poi diventata Mina, si contendeva le serate nell’estate del 1958; con i Beatles ha condiviso il palco nella tappa italiana del loro tour (“però erano quasi inavvicinabili”); ha venduto circa 35 milioni di dischi, “ma questi sono solo i dati ufficiali, in realtà sono entrato nella classifica di Billboard, e in terza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.