Maria Callas, la Medea bambina che tentò di “guarire” Pasolini

Nel quarantennale della morte, un film ricostruisce l’amore tra la Divina e lo scrittore che la volle per interpretare la tragedia euripidea: “Amo la barbarie che viene fuori dai suoi occhi”
Maria Callas, la Medea bambina che tentò di “guarire” Pasolini

“Ho calibrato la sceneggiatura di Medea in funzione della Callas. Questa barbarie che è sprofondata dentro di lei, che vien fuori dai suoi occhi, nei suoi lineamenti, ma non si manifesta direttamente, anzi, la superficie è quasi levigata… La parola barbarie, lo confesso, è quella che amo di più al mondo”. Eppure sull’aereo che portava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.