Mani su Bompiani: Giunti batte la Nave di Teseo

La casa editrice, dopo l’intervento dell’Antitrust, si aggiudica la fuoriuscita da Mondazzoli per 16,5 milioni. Decisivo il gradimento di Segrate, sconfitti i “ribelli”
Mani su Bompiani: Giunti batte la Nave di Teseo

È fatta. Ieri a Milano è stato firmato l’accordo preliminare con cui la casa editrice Giunti ha acquistato il marchio Bompiani dal gruppo Mondadori per una cifra pari a 16,5 milioni di euro, “comprensivo di 5,3 milioni di euro relativi ad asset trasferiti all’acquirente”, come recita il comunicato stampa. Si tratta forse del segreto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.