Malagò trema per Giorgetti. Ma almeno non è ministro

Sport - Il capo del Coni, dopo i fasti di Lotti, avrà un contropotere forte: la cancellazione del dicastero, però, lo aiuta (e irrita i grillini)
Malagò trema per Giorgetti. Ma almeno non è ministro

Quando Giuseppe Conte ha letto al Quirinale l’elenco dei ministri del suo esecutivo, l’assenza non è passata inosservata: il governo Lega-M5S non avrà un ministero dello Sport, nessun erede del renzianissimo Luca Lotti. Si torna al passato, a una semplice delega affidata al sottosegretario e plenipotenziario leghista, Giancarlo Giorgetti. E questo ha fatto storcere il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.