» Politica
giovedì 07/09/2017

M5S non ha cambiato il sistema. Deve darsi una classe dirigente

A dieci anni dal V-day - Proporre una legge proporzionale vuol dire non mettersi in grado di modificare in profondità il Paese
M5S non ha cambiato il sistema. Deve darsi una classe dirigente

Dieci anni di vita per un non-partito sono molti. Vissuti spericolatamente anche, talvolta, contraddittoriamente persino con riferimento al non-programma. È riuscito il Movimento 5 Stelle a cambiare la politica, il sistema politico italiano oppure è stato il sistema politico a obbligare il Movimento a cambiare, non poco? Propenderei per la seconda opzione. Sono rarissimi i movimenti e i partiti che riescono davvero a cambiare il loro sistema politico. Oserei dire che nell’Europa del secondo dopoguerra soltanto il carismatico generale De Gaulle ha cambiato la Francia portandola dalla democrazia parlamentare della Quarta Repubblica al regime-presidenziale della Quinta Repubblica.

I Cinque Stelle hanno pensato che l’obiettivo centrale dovesse essere il rovesciamento della politica ricorrendo a tutte le possibili critiche antipolitiche e antiparlamentari, e utilizzando un vantaggio iniziale, vale a dire, i già esistenti e molto diffusi sentimenti contro la politica in quanto tale e contro il Parlamento. Hanno accompagnato questa loro strategia con la parola d’ordine “onestà” e con la lotta contro i privilegi dei parlamentari, che non sono inventati, ma esistono realmente.

L’hanno completata con un atteggiamento anti-euro e anti Unione europea che, di nuovo, solletica pulsioni esistenti nell’opinione pubblica. Le recentissime affermazioni di Di Maio su euro e Europa segnalano una svolta, vera. No, l’Europa non la cambierà il Movimento 5 Stelle.

Entrati in Parlamento definendosi cittadini, gli eletti delle Cinque Stelle hanno dovuto imparare che sono deputati e senatori con compiti specifici che nessun cittadino può svolgere, che qualche milione di cittadini-elettori ha voluto affidare loro. Con fatica e con impegno, molti di loro hanno imparato. Prima imparano anche che il limite ai mandati, senza nessun’altra considerazione, significa buttare l’apprendimento e ricominciare quasi da capo meglio sarà per loro e per i loro elettori.

In Parlamento non hanno sviluppato un’azione di respiro, ma hanno perseguito quella che nel Sessantotto si chiamava pratica dell’obiettivo. In parte sono riusciti a imporre la riduzione dei costi della politica anche se, per quanto riguarda i non-vitalizi, il discorso rimane aperto e ambiguo. L’obiettivo caratterizzante è quello del reddito di cittadinanza. Fa certamente presa. Merita di essere meglio precisato. Ha già costretto il governo a incamminarsi su una strada non del tutto divergente con l’approvazione del reddito di inclusione. Quanto alla democrazia della Rete, partecipativa, deliberativa, difficile dire se stia funzionando al meglio all’interno dello stesso Movimento. Scherzando sosterrei che è stata praticata in maniera altalenante, non sempre coerentemente e soddisfacentemente, in attesa di scoprirla.

Che cosa è davvero mancato al Movimento 5 Stelle? Per cambiare la politica e il sistema politico non basta ridurre i costi e limitare i mandati elettivi. È indispensabile un vero e proprio progetto elettorale e costituzionale. Respingere le riforme peggiorative à la Renzi-Boschi, oltre che un dovere morale, è la premessa per un vero progetto. Però, il Movimento 5 Stelle ha giocato di rimessa.

Sicuramente, non basterà la legge elettorale che Toninelli chiama legalicum, quella che discende dalla non proprio brillante sentenza della Corte costituzionale. Per quanto mai disprezzabile una buona legge proporzionale rende difficili cambiamenti profondi. I pentastellati dovrebbero avere imparato che, con tutte le differenze iniziali da caso a caso, a livello locale, il potere di governo lo hanno conquistato anche grazie a un meccanismo premiante che, con il doppio turno, consente agli elettori di scegliere il sindaco.

Il resto, soprattutto a Roma, è il segnale che una classe dirigente non s’improvvisa, ma la si addestra e seleziona in anticipo. I Cinque Stelle potranno anche celebrare il loro primato elettorale nella prossima primavera ma, privi di una maggioranza assoluta e indisponibili a qualsiasi coalizione, dovranno ancora fare i conti con il sistema politico che c’è.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Verso le Primarie

Fico contro Di Maio: “Sui migranti sto con Gino Strada”

Mentre ancora si discutono le regole del gioco per le primarie del Movimento 5 Stelle (il vincitore verrà proclamato il 24 settembre), il deputato Roberto Fico, in odore di candidatura, continua marcare le differenze col candidato in pectore dei 5 Stelle Luigi Di Maio. Fico, considerato espressione della parte più a sinistra del Movimento, ieri ha condiviso sul proprio profilo Facebook l’intervista de ilfattoquotidiano.it a Gino Strada, dicendosi d’accordo con il fondatore di Emergency sulle forti critiche al ministro dell’Interno Marco Minniti riguardo alla gestione del flusso dei migranti. “Stiamo riconsegnando i poveracci in mano agli assassini”, aveva detto Strada, definendo gli accordi con la Libia “un atto di guerra” e il ministro “uno sbirro”. Una presa di posizione, quella di Fico, che fa a pugni con la linea sostenuta da Luigi Di Maio, che nella corsa interna ha l’appoggio di Davide Casaleggio, che aveva apprezzato il pugno di ferro nei confronti delle Ong. Ma la polemica a distanza tra i due non è nuova: già sullo sgombero di via Curtatone, a Roma, Di Maio aveva solidarizzato con le forze dell’ordine, mentre Fico aveva affidato a Facebook il suo sdegno: “Questo Stato non mi rappresenta”.

Cronaca

Terzo Valico, lavori alla ditta dei “pali fissati con lo sputo”

Politica

Sono fedeli allo spirito di Bologna. Il loro difetto è la troppa coerenza

Ronzulli è uscita dal cerchio: grosso guaio con B.
Politica
La storia

Ronzulli è uscita dal cerchio: grosso guaio con B.

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×