“M”, il Santoro cubista e quel che resta dei talk

Vanno di moda i passi di lato; Michele Santoro ne ha fatto uno, forse anche un paio, e di sua spontanea volontà. Abbandonato il terreno di cui è stato il seminatore, sperimenta strade nuove con M (Rai2, giovedì sera). M chi?, potrebbe domandarsi qualcuno, non essendo molto chiara la vocazione del programma. C’è un tema […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.