Ludopatia. “Io, malato e lasciato solo dallo Stato che dovrebbe aiutarmi”

Vi scrivo queste righe un po’ per disperazione, un po’ per sfogo. Sono un ragazzo di 42 anni che vive a Petrosino, in provincia di Trapani. Ho una bella famiglia con moglie e due bambini piccoli, sono un agente di commercio. Ho un grande problema: sono un giocatore patologico e ho paura di non riuscire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.