L’Orlando confuso oggi gialloblu, ieri critico del ricatto Bce

Andrea Orlando si ritrova in una posizione scomoda. Per chi non si interessa di microbiologia, il Guardasigilli è infatti il candidato di Giorgio Napolitano alla segreteria Pd e, in quanto tale, tanto per ragioni oggettive quanto di serie storiche, è il candidato perdente. Il suo nome serve – a parere dell’emerito dante causa – alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.