L’odissea di Elena per donare tre ecografi ai terremotati

Storie kafkiane - Il medico ha raccolto soldi e strumenti in Svizzera. È in viaggio verso il Centro Italia distrutto, ma la burocrazia la ferma
L’odissea di Elena per donare tre ecografi ai terremotati

Voleva regalare ad Amatrice un ecografo, la burocrazia ha fatto di tutto per non accettare il dono. Elena Rota, 37 anni, bergamasca, è una ginecologa che lavora all’ospedale di Sion, nel Cantone Vallese della Svizzera. Dal 24 maggio si è messa in cammino lungo la Via Francigena per portare soldi e tre ecografi alle popolazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.