Lo scafista e il potere di vita o di morte

Reggio Calabria - Il racconto dei sopravvissuti naufragati il 27 maggio al largo della Libia
Lo scafista e il potere di vita o di morte

Ho visto lo scafista, quello grosso, gettare in acqua tre donne eritree e due uomini somali”. Omar Torku è un siriano senza scrupoli. Prima del naufragio, sul suo barcone decideva lui chi doveva vivere e chi doveva morire. A raccontare alla Squadra mobile di Reggio Calabria cosa è successo il 27 maggio al largo delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.