L’Italia prende in ostaggio il bilancio Ue fino al voto

Stop alla revisione del budget pluriennale con la scusa dei migranti
L’Italia prende in ostaggio il bilancio Ue fino al voto

Per ottenere più risorse dall’Unione europea sull’emergenza migranti, il governo Renzi mette il veto sulla revisione del bilancio comunitario 2014-2020 che stanziava 2,5 miliardi in più per l’emergenza migranti. E anche 1,4 miliardi per crescita e lavoro. Una mossa che il premier Matteo Renzi ha affidato al sottosegretario Sandro Gozi, contro i Paesi che “con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.