L’Isola di Man, paradiso (fiscale) del Sultano

Il partito Chp accusa Erdogan, il governo: “Le prove portatele in Procura”
L’Isola di Man, paradiso (fiscale) del Sultano

Quando si candidò per la prima volta nell’86 per il Refah Partisi (“partito del benessere”), per molti Erdogan era ancora il ragazzo cresciuto nel quartiere povero e degradato di Kasimpasa, sulle rive del Corno d’Oro. Quello che per guadagnare qualche soldo vendeva il simit (il pane al sesamo) all’angolo della strada. Quando si ricandidò, tre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.