L’incredibile avventura del principe di Trabia in due missioni segrete

Con “Quando si spense la notte” (Feltrinelli) Ottavia Casagrande realizza il primo romanzo di spionaggio italiano

Due erano gli uomini in assoluto più eleganti in Europa nella stagione a cavallo tra le due guerre mondiali. Due siciliani, uno di Catania, l’altro di Palermo. Sono l’ambasciatore Filippo Anfuso, residente in via Pacini, una traversa di via Etnea e Raimondo Lanza Branciforte, il principe di Trabia, domiciliato a palazzo Butera e il castello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.