L’Euforia della morte: Golino piace, Von Trier no

Applausi per l’italiana, fuga da “The House”
L’Euforia della morte: Golino piace, Von Trier no

“Voi vedete un bel film, chi la conosce vede Valeria. Sa come cambiare lo spartito, tirare fuori l’intimità delle persone e portare a un altro stato delle cose”. Non è solo l’opinione dell’interprete Jasmine Trinca, ma una recensione di Euforia, l’opera seconda di Valeria Golino assai applaudita al Festival di Cannes. Gareggia nella sezione Un […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.