L’esercito di sfruttati ora teme il peggio

Camionisti, braccianti, badanti: “Una scusa per tagliarci ancora la paga”
L’esercito di sfruttati ora teme il peggio

Re è un paesino della bella Valle Vigezzo orientale, famoso per l’imponente santuario della Madonna del Sangue, che dista appena sette chilometri dal confine con la Svizzera. Ci vivono 770 abitanti, 150 sono frontalieri. Il turismo non basta, qui si campa su di loro. C’è la ferrovia che collega Domodossola a Locarno, sul lago Maggiore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.