L’epidemia di Augusta, la nuova Taranto siciliana

Territorio distrutto - A pochi chilometri dalle fabbriche si continua a morire di cancro: quasi dieci lutti a settimana. Il parroco Don Palmiro tiene il conto dei caduti: sono oltre novecento
L’epidemia di Augusta, la nuova Taranto siciliana

Stradine secondarie conducono alla contrada. La contrada Piano Ippolito, a quattro chilometri in linea d’aria dalle fabbriche. Oltre le siepi si addensano gli agrumeti. Gli asparagi sui bordi delle trazzere si arrampicano selvatici. Sono miraggi velenosi. Da non cogliere. Augusta è la nuova Taranto. Le narrazioni funebri sono colonne infinite sui muri, sui piloni, otto-dieci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.