“Leoluca, Pietro Grasso e i fichidindia molli e duri”

Salvatore Cuffaro - La Vardera finto candidato a Palermo - e i consigli di “Vasa Vasa”: “Una storia nel solco di Orson Wells. Ho dato l’ok al suo film”
“Leoluca, Pietro Grasso e i fichidindia molli e duri”

Pipì a spruzzo. Con Totò Cuffaro, tra fiori caduti e i Bastardoni. Ottimi, questi ultimi. Sono cannoli con le spine. Stessa forma, gusto superiore: “Parliamo, dunque, dei fichidindia che verranno; sono i tardivi”, spiega con sapienza democristiana, “matureranno in autunno, molto più gustosi dei fichidindia di questa stagione, generati dai fiori di giugno”. L’immagine è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.