Leggi e nomine: ecco come si smonta un referendum

Norme che aggirano o contraddicono il voto, funzionari nei posti chiave che provengono dal settore privato: se lo fai notare, però, Renzi & C. s’arrabbiano
Leggi e nomine: ecco come si smonta un referendum

Ieri Matteo Renzi ha ritwittato un articolo per l’Unità di uno dei suoi consulenti economici, Luigi Marattin. Titolo: “La bufala del referendum tradito”. La cosa, al netto di certe spiacevoli semplificazioni delle posizioni che intende criticare, ha un suo elemento ironico: Marattin era contrario ai referendum nel 2011, quand’era assessore a Ferrara, e scriveva cose […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.