“Le scosse ci inseguono, Dio vuole cancellarci. Quasi tutti se ne vanno”

La paura - Tra la gente e i sindaci: “Rimane solo il 10 per cento degli abitanti”. L’incubo del gasdotto
“Le scosse ci inseguono, Dio vuole cancellarci. Quasi tutti se ne vanno”

“Ècome se il terremoto ci inseguisse da due anni”, racconta sconsolato Paolo Esposto che, dopo essere stato sfollato con la sua famiglia per due anni, a Pasqua aveva finalmente trovato una casa alle Piane di Pieve Torina, assegnatagli dal Comune, ma dopo la scossa di ieri mattina il tempo sembra essere tornato indietro: casa inagibile, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.