L’arte dell’insulto, dal Bullo a Seghino: con stile è bello

Al bar della politica - Come i Bischeri espropriati di case e terreni nel centro di Firenze, Matteo è ormai espropriato di ogni cosa
L’arte dell’insulto, dal Bullo a Seghino: con stile è bello

Bullo, va da sé, è Matteo Renzi. Ed è quasi un blasone. Lo è stato nei giorni ruggenti. Ma ancor più deve esserlo adesso perché l’ingiuria lo preserva da ben altro insulto: ritrovarsi – nei giorni del tramonto – bìschero. Tenersi cara l’antica offesa è un modo per schivare il fato altrimenti – giusto il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.