L’Apocalisse del profeta Monti ovvero “mo’ me lo segno”

Noi, come sanno i lettori, siamo degli estimatori al limite del fanatismo dell’arte retorica del senatore a vita Mario Monti, il quale, intervenendo ieri a Palazzo Madama sulla fiducia al nuovo governo, non ci ha deluso: abbandonata la “veste cotidiana”, in panni curiali Monti s’è infatti fatto profeta. È partito basso, chiedendo almeno un ringraziamento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.