L’anima italiana del divo britannico

Nipote di un partigiano, figlio di un emigrante, Jack Savoretti dedica il nuovo album alla moglie: “Racconto quello che accade nel mezzo di una relazione”
L’anima italiana del divo britannico

La storia di Jack sembra scritta da Ken Follett. Suo nonno, Giovanni Savoretti, fu tra i partigiani che liberarono Genova: a Lavagna, ricorda il nipote, c’è una strada a lui dedicata. E il papà Guido, che aveva recitato in “Zorro” con Delon, dovette allontanarsi dall’Italia: aveva assistito a una rapina, l’avevano riconosciuto. A Londra, Guido […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.