L’affare Grandi Stazioni, Russo tentò il colpo e voleva un cocopro: “A me il 2-3 per cento”

Gli appalti - Il sodale di Tiziano chiedeva a Romeo di formalizzare la sua consulenza
L’affare Grandi Stazioni, Russo tentò il colpo e voleva un cocopro: “A me il 2-3 per cento”

Voleva un riconoscimento dal 2 al 3% per ogni appalto vinto da Romeo grazie a lui. Il primo 2-3% doveva essere quello relativo a una gara di Grandi Stazioni, società controllata da Ferrovie dello Stato, intanto però si dedicava a contattare la allora direttrice del patrimonio dell’Inps, Daniela Becchini, che viene portata a ottobre nell’ufficio […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.