La “società dei fratelli” senza padri che genera terroristi

Perché tanti ragazzi figli di immigrati ma nati e cresciuti in Occidente sentono il fascino dell’estremismo islamista? La spiegazione è da cercare nella perdita di riti e regole del nostro mondo, più che nel Corano
La “società dei fratelli” senza  padri che genera  terroristi

Pubblichiamo uno stralcio di “Nella mente del terrorista” di Luigi Zoja con Omar Bellicini, appena uscito per Einaudi   Un elemento che salta subito all’occhio, trattando di terrorismo islamista, è la giovane età di molti attentatori, miliziani e simpatizzanti. I giovani sono psicologicamente piú esposti alle seduzioni del radicalismo? È l’età dell’incanalamento graduale verso la […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.