La quercia resta pericolante perché la Forestale non c’è più e tocca al ministero abbatterla

La quercia resta pericolante perché la Forestale non c’è più e tocca al ministero abbatterla

Trecento anni di vita, venti metri di altezza, un tronco nodoso e potente, come quello degli alberi dei fumetti. Di quella splendida quercia, appoggiata sul ciglio della strada che dalle montagne teramane di Castelli scivola fino a Rigopiano, e poi ancora verso il cuore del Parco, se ne erano accorti già tanti anni fa. Tanto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.